Bando accumulo 2019-2020 della Regione Lombardia per i privati

Gloria Cipressi / 5 Luglio, 2019 / Fotovoltaico

Il Bando accumulo 2019-2020 è una nuova forma di incentivazione sui sistemi di accumulo, che si rivolge ai privati della Regione Lombardia: scopri di più

Dopo il bando della Regione Veneto, dunque, anche la Lombardia mette a disposizione nuove risorse per aumentare la diffusione dei sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici domestici. Nello specifico, stiamo parlando di 3,4 milioni di euro – elevabili a 4,4 milioni.

Si tratta, per la Lombardia, di una nuova versione di questa tipologia di bando, pubblicato anche nel 2017 e poi rifinanziato nel 2018. Vediamo, nel dettaglio, tutto quello che devi sapere sul Bando accumulo 2019-2020.

Bando Lombardia per accumulo fotovoltaico: come funziona

Come anticipato, il Bando della Regione Lombardia garantisce dei finanziamenti a fondo perduto per l’acquisto e l’installazione di sistemi di accumulo da parte dei cittadini residenti.

Il contributo previsto può arrivare a coprire fino al 50% delle spese sostenute (fino a un massimo di 3 mila euro) e si rivolge esclusivamente ai privati (lombardi) che sono in possesso di un impianto fotovoltaico domestico (o che lo saranno entro il 31 dicembre 2020). Le persone giuridiche e le imprese individuali, quindi, non possono accedere agli incentivi.

In totale, le risorse disponibili ammontano a 3.438.241,95 euro, di cui:

  • 1.673.216,95 euro per il 2019;
  • 1.765.025,00 euro per il 2020.

Le risorse potranno però essere incrementate fino a un massimo di 4.460.000,00 euro, sulla base delle disponibilità finanziarie dopo l’assestamento al Bilancio regionale.

Bando accumulo 2019-2020:

Innanzitutto, i sistemi di accumulo finanziabili devono rispettare determinati requisiti, ovvero:

  • essere connessi a impianti FV dotati di generatore di potenza nominale fino a 20 kW;
  • essere collegati secondo gli schemi di connessione previsti dalla norma CEI 0-21;
  • essere realizzati con tecnologia elettrochimica (ad esempio piombo acido, ioni di litio).

Le spese ammissibili al Bando accumulo 2019-2020 sono, dunque, quelle relative a:

  • acquisto del sistema di accumulo e dell’eventuale contatore aggiuntivo per la misura dell’energia scambiata dal sistema stesso (se richiesto dalla norma CEI 0-21);
  • installazione del sistema di accumulo e dell’eventuale contatore aggiuntivo;
  • IVA.

Queste spese sono ammesse indipendentemente dal fatto che l’impianto fotovoltaico sia collegato o meno alla rete di distribuzione, che sia in Conto Energia o in Scambio sul Posto. Sono, dunque, accettati anche i sistemi di accumulo a servizio degli impianti fotovoltaici a isola.

Sono esclusi, invece, gli impianti fotovoltaici incentivati con il Primo Conto Energia in scambio sul posto (DM 28 luglio 2005) e gli interventi che hanno già ricevuto contributi per sistemi di accumulo da altri bandi precedenti.

Non sono finanziabili, infine, le spese relative a:

  • acquisto e installazione dell’impianto fotovoltaico;
  • interventi edilizi per l’installazione del sistema di accumulo;
  • spese diverse dall’acquisto e dall’installazione del sistema di accumulo;
  • spese per i sistemi di accumulo acquistati e installati prima del 1° gennaio 2018.

Bando Regione Lombardia per accumulo fotovoltaico: presentazione delle domande

La domanda per richiedere le agevolazioni sul fotovoltaico con accumulo deve essere presentata dal titolare dell’impianto fotovoltaico, ovvero dal soggetto responsabile dello stesso: si tratta della persona fisica cui è intestato il punto di connessione (Point Of Delivery) e il contratto di fornitura di energia elettrica collegato all’impianto FV.

Le finestre temporali per la presentazione della domanda sono diverse a seconda che il sistema di accumulo sia già installato o meno. Nello specifico:

  • per sistemi già installati (tipologia A) le domande possono essere presentate dall’8 luglio 2019 al 6 settembre 2019;
  • per sistemi non ancora installati (tipologia B) le domande possono essere presentate dal 9 settembre 2019 al 31 dicembre 2020 e/o fino a esaurimento delle risorse stanziate.

Tipologia A e B prevedono anche procedure diverse per la presentazione delle domande: per sapere, nel dettaglio, la documentazione e l’iter richiesto, puoi consultare qui il Documento ufficiale del Bando accumulo 2019-2020 (in particolare, il punto C: “Fasi e tempi del procedimento”).

Vuoi approfittare delle agevolazioni sui sistemi di accumulo in Lombardia e in Veneto per progettare un impianto FV efficiente? Scopri subito i nostri migliori prodotti a catalogo oppure contattaci per saperne di più.

Share This: