Scegli la lingua
Webshop Italia
Scegli un altro sito
Sito attuale:
Webshop Italia
Sito / Paese
Lingue
Social Media

Reti elettriche e transizione energetica: quale lo stato dell’arte in Italia?

Anche se oggi il tema portante, in termini di energia si riferisce al gas, ai prezzi e al caro bollette, dobbiamo considerare che un altro aspetto fondamentale è legato alle reti elettriche, per il ruolo che svolgono in termini di distribuzione e trasmissione dell’energia. Nello specifico, la rete elettrica ricopre un ruolo imprescindibile nella transizione energetica, ma ciò che dobbiamo chiederci è: “qual è la situazione relativa alla trasmissione delle reti di distribuzione dell’energia a livello italiano?”

Riferendoci al nostro paese, è importante ricordare che siamo dotati di un sistema elettrico assolutamente all’avanguardia per ciò che riguarda la funzione di trasmissione e distribuzione energetica. Basti pensare che una delle prime smart grid (un nuovo modello di rete “intelligente” che ottimizza la distribuzione dell’energia elettrica) è stata realizzata proprio in Italia, nel 2015, in occasione dell’Expo di Milano.

Purtroppo, ciò che oggi manca davvero per concretizzare la tanto desiderata transizione energetica, non sono le strutture elettriche per la distribuzione, ma la scarsa diffusione di fonti rinnovabili che, nonostante potrebbero essere ampiamente disponibili, non producono la generazione che ci si aspetterebbe. 

Le attuali opportunità offerte dalle reti elettriche nazionali

In termini strutturali, è necessaria un’attenta pianificazione per capire dove connettere la generazione derivante da fonti rinnovabili. A questo proposito, è importante riconoscere che sono presenti alcuni limiti tecnici. Infatti, per distribuire grosse quantità di energia e potenza derivanti da fonti rinnovabili, è richiesto un elevato livello di tensione.

Considerato il fatto che la potenza elettrica è il risultato del prodotto della tensione per la corrente, e dato che quest’ultima è strettamente dipendente dalla sezione dei cavi che oltre un certo spessore non sono reperibili per motivi tecnico-economici, per ottenere una maggiore potenza ed essere in grado di iniettarla diviene assolutamente necessario collegarsi a una rete ad alta tensione.

È chiaro, quindi, che potenze più modeste si possano collegare a reti con tensioni più basse, ed è quello che accade quando viene distribuita una cospicua quantità di generazione che ha singolarmente potenza piuttosto bassa. In questo caso, ciò che è necessario è semplicemente individuare maggiori punti di connessione, che possono essere rappresentati dalle comunità energetiche, sempre più diffuse anche nel nostro paese. 

Il ruolo delle comunità energetiche

Premesso che è necessario accettare il fatto che il gas rappresenterà ancora una risorsa necessaria prima di arrivare agli standard di neutralità climatica previsti dall’Europa entro il 2050, le comunità energetiche rappresentano certamente un’opportunità concreta in termini di transizione energetica.

L’Europa, entro il 2030, desidera che il 20% dell’energia prodotta derivi da comunità energetiche; tuttavia, nonostante il nostro paese abbia a disposizione una potenza ben maggiore delle sue reali necessità (la potenza di picco si colloca sui 60 GW), essa è ricavata per il 50% da fonte fossile. Questo significa che, per contare sul supporto delle comunità energetiche e raggiungere gli standard richiesti, sarebbe necessario che queste ultime venissero installate in Italia a decine di migliaia.

Si tratta di un obiettivo irrealizzabile? No, è complesso ma non impossibile. Tra PNRR e altri fondi strutturali, è infatti ragionevole pensare che entro il 2030 si arriverà a 5 GW prodotti da comunità energetiche, la metà del necessario per sostituire l’energia derivante dal fossile. Quest’ultimo, appoggiandosi su un modello centralizzato ed equilibrato in termini di produzione e consumo, assicura piena disponibilità di energia quando richiesta, ma non è eco-sostenibile. Sono essenzialmente complicazioni di natura burocratica a rallentare l’affermazione delle comunità energetiche, ma il futuro e gli aiuti economici garantiranno certamente un boost non indifferente. 

Con la generazione distribuita supportata dalle comunità energetiche, ci sarà sempre bisogno della rete elettrica, ma si ridurrà la necessità di trasportare l’energia da grandi distanze (caricando il veicolo elettrico nella colonnina di quartiere della stessa CER), producendo laddove si consuma, senza che la centrale provochi inquinamento perché anche in centro città l’energia sarà tutta derivante da fonti rinnovabili. 

Hai selezionato Australia. Ora sarai indirizzato al sito web australiano. 

Switch Cancel

Hai selezionato Canada. Ora sarai indirizzato al sito web canadese.

Switch Cancel

Hai selezionato Danimarca. L’attività danese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Finlandia. L’attività finlandese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Francia. L’attività francese è gestita dalla nostra filiale lussemburghese. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web lussemburghese.

Switch Cancel

Hai selezionato Germania. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web tedesco. 

Switch Cancel

Hai selezionato Lussemburgo. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web lussemburghese. 

Switch Cancel

Hai selezionato Messico. Ora sarai indirizzato al sito web messicano. 

Switch Cancel

Hai selezionato Norvegia. L’attività norvegese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Paesi Bassi. L’attività frolandese è gestita dalla nostra filiale lussemburghese. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web lussemburghese.

Switch Cancel

Hai selezionato Polonia. Ora sarai indirizzato al sito web polacco.

Switch Cancel

Hai selezionato Spagna. Ora sarai indirizzato al sito web spagnolo.

Switch Cancel

Hai selezionato Stati Uniti. Ora sarai indirizzato al sito web degli Stati Uniti.

Switch Cancel

Hai selezionato Sud-est asiatico. Ora sarai indirizzato al sito web del sud-est asiatico.

Switch Cancel

Hai selezionato Svezia. L’attività svedese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Svizzera. Ora sarai indirizzato al sito web svizzero.

Switch Cancel

Hai selezionato Australia. Ora sarai indirizzato al sito web australiano. 

Switch Cancel

Hai selezionato Canada. Ora sarai indirizzato al sito web canadese.

Switch Cancel

Hai selezionato Danimarca. L’attività danese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Finlandia. L’attività finlandese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Francia. L’attività francese è gestita dalla nostra filiale lussemburghese. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web lussemburghese.

Switch Cancel

Hai selezionato Germania. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web tedesco. 

Switch Cancel

Hai selezionato Lussemburgo. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web lussemburghese. 

Switch Cancel

Hai selezionato Messico. Ora sarai indirizzato al sito web messicano. 

Switch Cancel

Hai selezionato Norvegia. L’attività norvegese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Paesi Bassi. L’attività frolandese è gestita dalla nostra filiale lussemburghese. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web lussemburghese.

Switch Cancel

Hai selezionato Polonia. Ora sarai indirizzato al sito web polacco.

Switch Cancel

Hai selezionato Spagna. Ora sarai indirizzato al sito web spagnolo.

Switch Cancel

Hai selezionato Stati Uniti. Ora sarai indirizzato al sito web degli Stati Uniti.

Switch Cancel

Hai selezionato Sud-est asiatico. Ora sarai indirizzato al sito web del sud-est asiatico.

Switch Cancel

Hai selezionato Svezia. L’attività svedese è gestita dalla nostra filiale nordica. Stai per essere indirizzato alla versione inglese del sito web nordico.

Switch Cancel

Hai selezionato Svizzera. Ora sarai indirizzato al sito web svizzero.

Switch Cancel
Torna all'inizio