Google: una piattaforma “carbon-intelligent” per l’energia rinnovabile

Michael Hackhofer / 26 Giugno, 2020 / Sostenibilità

Sfruttare al meglio l’energia solare ed eolica per i data center di grandi dimensioni, in base alla disponibilità di energia rinnovabile prodotta: scopri il progetto di Google

Sfruttare al meglio l’energia solare ed eolica per i data center di grandi dimensioni, distribuendo i carichi in modo efficace, in base alla disponibilità di energia rinnovabile prodotta.

La nuova piattaforma “carbon-intelligent“, da poco lanciata da Google, si prospetta come un passo avanti importante per l’azienda di Mountain View, verso l’obiettivo dichiarato di arrivare a utilizzare energia pulita per i propri data center in modo costante: 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

L’iniziativa è stata annunciata da Google in occasione dell’ultimo Earth Day: vediamo, nel dettaglio, di cosa si tratta.

Google ed energia rinnovabile: come funziona la nuova piattaforma

La nuova “carbon-intelligent computing platform” di Google ha come obiettivo quello di spostare l’esecuzione di diverse attività di calcolo (ad alta intensità energetica) nei momenti in cui le fonti di energia a basse emissioni di carbonio sono più abbondanti.

In questo modo, quindi, è possibile sfruttare al meglio la produzione di energia solare ed eolica, spostando i tempi delle attività di elaborazione non urgenti. Alcuni esempi di tali attività possono essere:

  • creazione di nuovi filtri su Google Foto;
  • elaborazione di video di YouTube;
  • aggiunta di nuove parole su Google Translate.

Inoltre, se da un lato questo tipo di ottimizzazione non richiede alcun hardware aggiuntivo, dall’altro non influisce neppure sulle prestazioni degli altri servizi Google, quali Maps, YouTube o le ricerche stesse.

Questo “spostamento” delle attività di calcolo nei diversi momenti della giornata, in linea con la disponibilità di energia green, può quindi aiutare a ridurre concretamente l’impronta di carbonio della rete elettrica.

Aumentare l’uso di energia rinnovabile con la piattaforma “carbon-intelligent”

Ana Radovanovic, responsabile tecnico di Google, ha spiegato in un articolo pubblicato sul blog dell’azienda il funzionamento e le logiche che stanno dietro a questo nuovo progetto pilota, sviluppato da un piccolo team di ingegneri.

“Ogni giorno, in ogni data center di Google, la nostra piattaforma carbon-intelligent confronta due tipi di previsioni per il giorno successivo. La prima prevede l’intensità media oraria di carbonio immesso nella rete elettrica locale, e come cambierà nel corso della giornata. L’altra prevede le risorse energetiche orarie di cui un data center ha bisogno per svolgere le sue attività di calcolo. Le due previsioni vengono quindi utilizzate per ottimizzare e allineare le attività di calcolo”.

“I primi risultati – prosegue – dimostrano che il trasferimento del carico di carbonio funziona, e che spostando le attività di calcolo possiamo aumentare l’uso di energia a basse emissioni“.

Il progetto, al momento, si concentra solo sullo spostamento delle attività all’interno dello stesso data center, ma in realtà sarà possibile farlo anche tra data center diversi. L’obiettivo futuro, infatti, è quello di spostare il carico sia nel tempo che nel luogo, per massimizzare la riduzione delle emissioni di carbonio a livello di rete.

Come specificato da Google, metodologia e risultati del progetto verranno presto condivisi, con la speranza che possano aiutare anche altre organizzazioni a implementare questo tipo di piattaforma per le proprie emissioni di carbonio.

Google Sustainability: i progetti dell’azienda di Mountain View

Google è già da anni molto attiva in progetti di sostenibilità: carbon neutral dal 2007, il 2019 è stato il terzo anno consecutivo nel quale è stata acquistata energia pulita nella stessa misura rispetto alla totalità dei consumi.

Come afferma l’azienda stessa, dal momento in cui Google fornisce servizi agli utenti ogni giorno, 24 ore su 24, l’obiettivo è quello di arrivare a utilizzare sempre e solo energia pulita, 24×7.

Google Sustainability è il sito dedicato, nello specifico, a tutti i progetti green messi in atto dall’azienda di Mountain View nel mondo: un modo per aggiornare gli utenti sulle ultime soluzioni e, perché no, anche per sensibilizzare le altre realtà su temi sempre più attuali come sostenibilità ambientale e uso efficace delle fonti rinnovabili.

Come abbiamo visto in altri approfondimenti, Google non è comunque l’unico colosso che sta investendo in progetti di questo tipo. Alcuni altri articoli che potrebbero interessarti sono:

Sei un installatore e vuoi progettare un impianto fotovoltaico efficiente, per trarre il massimo dall’energia solare? Scopri subito il nostro catalogo Prodotti oppure contattaci per parlare con un nostro professionista.

Share This: