Ricarica veloce auto elettriche: ecco CHAdeMO 3.0

Michael Hackhofer / 7 Luglio, 2020 / E-Mobility

CHAdeMO 3.0 permetterà di ricaricare la propria auto elettrica in poco meno di 10 minuti: vediamo, nel dettaglio, le novità introdotte

Ricaricare la propria auto elettrica in tempi sempre più brevi è una delle principali esigenze di chi possiede un veicolo elettrico o sta valutando di comprarne uno.

Se, da un lato, per la ricarica domestica tale necessità può sembrare meno evidente, per la possibilità di sfruttare la notte per una carica completa, dall’altro è chiaro che per chi viaggia diventa, invece, molto più importante fare un pieno di energia nel minor tempo possibile.

Di recente, lo standard di ricarica rapida CHAdeMO ha presentato ufficialmente un nuovo protocollo ad altissima potenza, CHAdeMO 3.0, che permetterà di ricaricare la propria vettura in poco meno di 10 minuti. Vediamo cosa cambia e quali saranno gli step futuri.

CHAdeMO 3.0: potenza oltre i 500 kW per la ricarica delle auto elettriche

La versione aggiornata del protocollo CHAdeMO presenta diverse novità sia dal punto di vista della potenza che del design.

CHAdeMO 3.0, infatti, passa ora a una potenza superiore ai 500 kW (con un massimo di 600 Ampere): un netto passo avanti non solo, ovviamente, rispetto alla primissima versione (da 62,5 kW) ma anche a quella più recente del 2018, da 400 kW di potenza. Come detto, il nuovo standard permetterà dunque di ricaricare una batteria da 80kWh in soli 10 minuti, per circa 400 km di autonomia.

A cambiare, poi, sono anche il design e le tecnologie impiegate. Tra le principali caratteristiche, presentate in una nota sul sito ufficiale, vi sono:

  • nuovo connettore leggero e compatto, con diametro inferiore rispetto al precedente;
  • tecnologia di raffreddamento a liquido;
  • rimozione del meccanismo di blocco lato veicolo.

Inoltre, viene assicurata la compatibilità con i precedenti standard di ricarica in corrente continua (CHAdeMO, GB/T e probabilmente CSS). Tramite semplici adattatori, quindi, gli attuali caricabatterie CHAdeMO potranno alimentare sia i veicoli elettrici di oggi che quelli futuri.

Ricarica veloce CHAdeMO 3.0: lo sviluppo del progetto

Il nuovo protocollo CHAdeMO 3.0 è stato sviluppato (con il nome operativo “ChaoJi“) dal China Electricity Council (CEC) insieme all’associazione CHAdeMO: una collaborazione che ha dunque unito Cina e Giappone, e anche questo spiega l’armonizzazione con il protocollo cinese GB/T.

Il progetto ha però coinvolto competenze ed esperienza anche di realtà provenienti da Europa, Asia, Nord America e Oceania, attirando poi l’interesse anche di India, Corea del Sud e paesi del sud-est asiatico.

Secondo quanto riportato nella nota ufficiale, Giappone e Cina hanno concordato di continuare a lavorare insieme sullo sviluppo tecnico, per promuovere questa nuova tecnologia di ricarica attraverso eventi dimostrativi e distribuzione di prova dei caricabatterie.

I primi mezzi elettrici “ChaoJi” saranno probabilmente veicoli commerciali, e dovrebbero essere lanciati sul mercato già nel 2021. Successivamente verranno implementati anche su altre tipologie di veicolo, comprese quelle per trasporto passeggeri.

Gli altri standard per la ricarica delle auto elettriche

In generale, si contano attualmente 4 standard di ricarica veicoli elettrici in corrente alternata (AC) e 2, invece, per la ricarica veloce in corrente continua (CC o DC).

Oltre a CHAdeMO, di cui abbiamo già parlato, ecco di seguito un breve riepilogo delle altre tipologie presenti sul mercato.

Tipo 1 (Yazaky)
Connettore standard per il mercato giapponese e americano, si trova solo sul veicolo e si può usare soltanto per ricariche monofase (massimo 230V, 32A, 7,4 kW).

Tipo 2 (Mennekes)
Standard per il mercato europeo, si trova sia sui veicoli che sulle colonnine. Può essere utilizzato per le ricariche monofase (massimo 230V, 32A, 7,4 kW) o trifase (massimo 400V, 32A, 22 kW).

Tipo 3A (Scame)
Viene utilizzato solo per i veicoli elettrici leggeri (quadricicli e scooter) ed è impiegato per le ricariche monofase (massimo 230V, 16A).

Tipo 3C (Scame)
Per ricariche monofase o trifase, è impiegato sulle colonnine di ricarica ma è ormai in disuso, dato che lo standard è diventato il Tipo 2.

CSS COMBO 2
Realizzato a partire dal Tipo 2, consente sia la ricarica rapida in corrente continua che quella lenta in corrente alternata, in un unico connettore.
Per approfondire, potrebbe interessarti il seguente articolo: Ricarica auto elettriche: le tipologie di prese.

Nel catalogo BayWa r.e. puoi trovare KEBA KeContact P30, wallbox di ricarica domestica efficiente e tecnologicamente avanzata: scopri qui tutte le caratteristiche oppure contattaci ora per avere maggiori informazioni.

Share This: