Auto elettriche: autonomia e tempo di ricarica tra gli ostacoli

Michael Hackhofer / 14 Maggio, 2021 / E-Mobility

I dubbi sull’autonomia dei veicoli e il tempo di ricarica sono tra gli ostacoli che ancora frenano l’acquisto di auto elettriche.

È quanto si evince dalla ricerca inglese di IONITY (azienda produttrice di stazioni di ricarica), basata su un sondaggio a campione europeo di automobilisti, che hanno risposto ad alcuni quesiti sulle scelte di mobilità elettrica.

Tra i fattori da implementare per conquistare la fiducia dei consumatori, vi sono soluzioni innovative di ricarica unite a una maggiore informazione sulle crescenti tecnologie dell’e-mobility.

In questo articolo, ecco alcuni dei principali dati emersi dallo studio.

Stazioni di ricarica auto elettriche: provare… per credere

Ciò che preoccupa maggiormente gli automobilisti è l’eventualità di rimanere fermi per strada a causa della scarsità delle stazioni di ricarica.

Pur essendo una problematica comune in Europa, la ricerca evidenzia comunque delle differenze tra i diversi Paesi dell’UE, anche sulla base delle politiche di diffusione delle infrastrutture di rifornimento elettrico.

Ad esempio, il 50% dei guidatori inglesi che non possiedono e-car associa la guida elettrica alla ricerca di colonnine e il 45% pensa che i tempi per ricaricare siano troppo lunghi.

Nei Paesi Bassi, invece, dove la diffusione di tali infrastrutture è molto avanzata, vi è una discordanza di opinioni tra chi possiede un veicolo elettrico e chi no, probabile segno che l’esperienza diretta dell’e-mobility possa aiutare a ridimensionare le perplessità. L’ansia da ricarica, infatti, è più bassa tra gli utilizzatori di e-car (35%) rispetto a chi guida veicoli a combustibili fossili (49%). Anche il malcontento sulla velocità di approvvigionamento si differenzia tra i due gruppi: il 37% per i primi, il 43% per i secondi.

Chiaramente, viene riconosciuto il fatto che le tempistiche di ricarica siano, ad oggi, maggiori rispetto a quelle per il rifornimento di carburante fossile.

Tuttavia, investimenti ed evoluzione tecnologica hanno già ridotto notevolmente i tempi, grazie a stazioni di ricarica rapida molto più potenti e performanti rispetto ai primi modelli.

Auto elettriche: autonomia e maggiore informazione

Gli automobilisti vogliono viaggiare senza pensieri verso la propria destinazione, ma la percezione di avere una bassa autonomia nelle auto elettriche è ancora uno tra i fattori che tende a bloccare l’acquisto.

Il 37% degli interpellati, infatti, sarebbe decisamente propenso a passare alla macchina elettrica se vi fosse una maggiore durata di rifornimento. In UK, ad esempio, guidare più a lungo con una singola ricarica è la prima motivazione all’acquisto di auto elettriche (34%).

Per quanto riguarda la consapevolezza degli utenti finali sul mondo dell’e-mobility, i dati di IONITY sottolineano la necessità di migliorare il flusso informativo, non solo per rassicurare le loro incertezze, ma anche per superare alcuni miti e convinzioni, ormai datate, rispetto all’avanzamento tecnologico.

Vanno, inoltre, sollecitati gli strumenti di incentivo finanziario all’acquisto, leva in grado di agevolare in modo più veloce la scelta elettrica almeno per il 57% degli italiani.

In particolare, i dati inglesi esprimono tutta la criticità derivante dalla poca informazione:

  • il 78% dei guidatori inglesi dichiara di non essere pienamente informato in tema e-car;
  • solo il 41% di chi non ha l’auto elettrica è consapevole degli sgravi fiscali e degli incentivi governativi, contro il 90% di chi la usa correntemente.

Nonostante le incertezze, comunque la maggior parte degli intervistati concorda sul fatto che entro 10 anni la mobilità sarà costituita soprattutto da vetture elettriche. Inoltre, il passaggio a una e-car entro i prossimi 12 mesi viene considerato nel 30% dei casi.

Transizione ecologica: soluzioni efficienti di ricarica auto elettriche

Il supporto alla transizione ecologica è uno dei temi che ricorre nelle risposte del sondaggio: la riduzione di CO2 è stata una motivazione decisiva per il 39% di chi ha già scelto l’automobile elettrica.

Se il 29% degli inglesi comprerebbe un’e-car anche per la possibilità di risparmio a lungo termine sui costi di manutenzione, per il 34% la motivazione principale è proprio quella di contribuire a ridurre le emissioni di carbonio.

Ancora, la grande maggioranza sarebbe disposta a pagare di più per un rifornimento di energia rinnovabile: la media europea si attesta al 71%, con la percentuale che si alza all’83% in Italia.

Per accompagnare la transizione green, le sfide del comparto e-mobility sono sempre più improntate alla fornitura di energia, di tecnologia efficiente e di strutture capillari sul territorio. Proporre soluzioni efficaci di ricarica, quindi, è tra i concetti chiave verso il futuro dell’auto elettrica.

BayWa r.e. mette in campo prodotti all’avanguardia per soddisfare le differenti necessità e le sempre più numerose richieste del mercato. Tra le migliori stazioni di ricarica di auto elettriche, Wallbox è la nuova realtà presente nel nostro catalogo, che abbina funzionalità, monitoraggio intelligente e differenti versioni, a seconda delle applicazioni e delle esigenze. Una scelta affidabile, sia in contesti privati che pubblici.

Se sei un installatore o un progettista, e ti interessa avere maggiori informazioni sui prodotti Wallbox, leggi qui l’articolo dedicato oppure contattaci subito per richiedere le schede tecniche e avere tutti i dettagli da un nostro professionista.

Share This: