La Corea del Sud costruirà il più grande parco solare al mondo

to overview

Negli ultimi anni, paesi di tutto il mondo stanno investendo nella realizzazione di grandi parchi solari per diminuire i consumi e produrre sempre più energia pulita. 

Sebbene con modalità diverse, la diffusione degli impianti fotovoltaici è in crescita costante a livello globale: in Italia, la tendenza è quella di puntare soprattutto su sistemi di piccole e medie dimensioni, mentre all'estero si sta pian piano allungando la lista dei paesi che concentrano la produzione di energia in impianti giganteschi.

Una “corsa” al parco solare più grande al mondo cui, recentemente, si è iscritta anche la Corea del Sud: ecco l’ultimo progetto annunciato.

Il progetto della Corea del Sud per il parco solare più grande al mondo

Come anticipato dal proprio Presidente, Moon Jae-in, la Corea del Sud ha intenzione di costruire un enorme parco solare presso Saemangeum.

Il progetto prevede l'installazione di un impianto ibrido fotovoltaico-eolico da 3 GW in totale, forniti comunque quasi per intero da moduli fotovoltaici. Un investimento importante, le cui cifre si aggirano sui 9 miliardi di dollari, ma che la Corea del Sud vuole sviluppare per essere più competitiva nel campo delle energie rinnovabili a livello mondiale.

Attualmente, nel paese, la percentuale di energia prodotta da fonti rinnovabili è attorno all'8%: l'obiettivo è arrivare al 20% entro il 2030. Ecco perché, per raggiungere questo traguardo, la realizzazione del progetto legato al parco solare potrebbe essere un punto di svolta per la Corea, che vuole inaugurarlo entro il 2022. Qualora dovesse rispettare le tempistiche previste, quell’anno l'impianto fotovoltaico coreano diventerebbe il più grande al mondo.

Parchi solari più grandi al mondo: altri progetti

La Corea del Sud non è l'unica che sta investendo nella realizzazione di grandi impianti fotovoltaici.  
Se, da un lato, nel 2022 potrebbe vantare il parco solare più grande al mondo, dall'altro potrebbe perdere presto il primato negli anni successivi, visti i progetti futuri degli altri paesi. 

Tralasciando quello dell'Arabia Saudita, che a marzo 2018 aveva firmato un memorandum of understanding con SoftBank per un impianto fotovoltaico addirittura da 200 GW (progetto già abbandonato, come riportato dal Wall Street Journal), in ogni caso ci sono altre potenze mondiali pronte a scendere in campo. 

A Dubai, ad esempio, è in fase di realizzazione un parco solare da 1 GW entro il 2020, ma che arriverà a 5 GW entro il 2030.

Anche l’impianto in costruzione in India (a Dholera, Gujarat) prevede di raggiungere i 5 GW: sebbene non ci sia ancora una data-limite stabilita, quel che è certo è che il Primo Ministro indiano, Vijay Rupani, vuole sfruttare anche questo progetto perché il paese riesca a produrre 175 GW in totale entro il 2022. 

I parchi solari più grandi al mondo, oggi 

Ad oggi, sono Cina e India a giocarsi il primato per l'impianto fotovoltaico più grande al mondo. 

In una "classifica" in costante aggiornamento, frutto delle continue new entry e delle modifiche a parchi solari già esistenti, al momento è l'impianto indiano Shakti Sthala (situato a Pavagada) il più grande in assoluto. Con 2 GW di potenza, esso supera il cinese Tengger Desert Solar Park (di Zhongwei). 

I due paesi appena citati, tuttavia, possono contare anche su molti altri parchi fotovoltaici, posizionati subito dietro questi due principali. 

Da segnalare, tra i più grandi, anche Villanueva, recentemente inaugurato da Enel Green Power a Viesca, in Messico. Con 828 MW di potenza, si tratta del più grande progetto solare dell'azienda a livello mondiale, nonché del più grande impianto fotovoltaico delle Americhe. 

Vuoi conoscere altri progetti di sostenibilità nel mondo? Scopri di più in questo approfondimento sugli aerei elettrici e sulle nuove tecnologie per volare senza emissioni.
 

to overview
We use cookies to adapt this website to your needs as well as to improve our services. The further use of the website is understood as consent to our regulations on cookies.

More OK
Back to top